Maionese Velocissima

Ero sicura di aver già inserito questa ricetta sul blog, e invece no… bene… lo faccio adesso.
Io la maionese ormai la preparo sempre così da anni e mi ricordo che la ricetta proviene da un vecchissimo post sul forum AIC

Maionese
Oggi l’ho preparata allo yogurt, cioè a maionese finita ho aggiunto 1 cucchiaio di yogurt naturale bianco, la consistenza cambia diventa più cremosa… buona!
Image
questa che vedete così morbida l’avevo preparata con 300 ml di olio… poi aggiustai la ricetta… come leggerete di seguito
  • 230 ml di olio di girasole
  • 1 uovo intero
  • 2 cucchiai di aceto (io l’ho usato bianco)
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 1 pizzico di sale

Nel bicchiere graduato del minipimer versate l’olio, poi l’uovo che non deve rompersi, l’aceto il limone e il sale. Introducete il minipimer ed azionatelo ed il tutto si trasformerà in maionese nel giro di un paio di minuti…

E’ ottima, più leggera di quella che si acquista…

L’ho preparata di nuovo: unica differenza, ho fatto 250 ml di olio di mais (meglio se usate quello di girasole), piuttosto che 300 ml (potete scendere fino a 230 ml) così è rimasta più soda e al posto del cucchiaino di succo di limone ho messo un cucchiaino di senape (non in polvere), ottima anche così
Image

Continue reading

, , , , , , ,

Riso Corallo alle Zucchine e Menta

Non ho un attimo di tregua in questo periodo… molto velocemente vi lascio questa semplice e delicata ricetta realizzata con il riso rosso o riso corallo. Si tratta di un riso integrale… molto molto buono anche questo come il Venere, ma dal sapore meno intenso, perfetto abbinato alle verdure, si presta molto ad essere gustato in insalata nel periodo estivo

Ricetta da me inserita su Cis il 29 maggio 2007

  • 350 g di riso corallo o rosso
  • 2-3 zucchine
  • 30 g di uvetta
  • 30 g di pinoli
  • 2 rametti di menta
  • olio, sale, pepe

Procedimento

Ammollate l’uvetta in acqua tiepida. Lessate il riso per circa 40-45 minuti poi scolatelo e conditelo con un cucchiaio d’olio. Tagliate le zucchine a tocchetti e fatele andare in padella con una cipolla tagliata grossolanamente, 4 cucchiai di olio, l’uvetta strizzata, i pinoli, 8 foglie di menta sale e pepe. Appena cotte (le zucchine non devono disfarsi) unitele al riso, mescolate, unite le foglie di menta rimaste e servite.

Continue reading

, , , , , , , , ,

Uova in Bianco al Forno

Per quando il frigorifero è quasi vuoto, e non si ha voglia di cucinare e si torna tardi dal lavoro e si è stanchi stanchi, come me stasera, delle semplici uova diventano un piatto carino e saporito!

2 uova a testa
panna da cucina
burro
parmigiano
sale e pepe

Imburrare delle pirofiline monoporzione, cospargere con del parmigiano (come se si stesse infarinando una teglia imburrata), rompere dentro due uova, versare sopra 1 cucchiaino di panna, poco burro a fiocchetti, ancora parmigiano, sale e pepe.

Infornare a 180° per 10 minuti se volete il tuorlo morbido e non rappreso.

Sono deliziose!

Continue reading

, , , , , ,

Injera & Teclal

Essendo una pasticciona curiosa… ho voluto provare il pane etiope tipicamente spugnoso che trovate descritto qui Injera, e proprio nella sua versione - diciamo così - originale, con la farina di Teff (visto che ne ho ancora un pochino pochino, mi sono tolta la curiosità). Comunque l’Injera si può fare con altre farine anche senza glutine, al link di cui sopra trovate le indicazioni.

Questo che vedete è il risultato finale del mio “esperimento”, ed esattamente “sarebbero” dei Teclal rotoli di pane Injera farciti con una sorta di Hummus di lenticchie e ceci lessati ed insaporito con il berberè composto da svariate spezie tra cui zenzero, coriandolo, semi di cardamomo, noce moscata, chiodi di garofano, cannella, pepe nero e peperoncino piccante.

Anzitutto tre giorni prima ho mescolato 200 g di farina di Teff con 250 g di acqua, coperto con un telo e messo a fermentare. In pratica quando sono andata a riprenderlo era diventato “l’inizio” di un lievito madre. Pieno di bolle, con un sentore di pane misto a un odore leggermente acidulo.

A questo punto ci ho aggiunto altri 125 g di acqua frizzante e un cucchiaino di sale, ed ho cotto questo pane sul testo, 1 mestolo alla volta, a fiamma alta (infatti si è annerito più di come dovrebbe essere ed è venuto meno umido rispetto alla norma), si cuoce solo da un lato, pertanto quando lo vedete pieno di buchi e tutto asciutto, è pronto.

subito dopo ho preparato il ripieno, per il quale sono andata sulla falsariga dell’hummus di soli ceci, aggiungendo poi le spezie del berberè:

  • 200 g di ceci lessati
  • 200 g di lenticchie lessate
  • 3 cucchiai di Tahini
  • 1 aglio
  • 60 ml di acqua
  • 3 cucchiai di limone
  • e le spezie: io ho cercato di riunire più o meno quelle del berberè (c’era peperoncino, pepe nero, cumino, zenzero, semi di cardamomo.

Ho frullato tutto al mixer fino ad avere un composto liscio e spalmabile. Quando l’Injera era ben freddo (va mangiato freddo) l’ho farcito e arrotolato.

Vi descrivo le mie impressioni: questo pane consumato da solo è effettivamente acidulo (ma deve essere così) e può risultare non a tutti gradito, ma… si trasforma completamente se si accompagna nel modo giusto. Vi assicuro che in sembianze di Teclal era delizioso. E di solito si accompagna con lo Zighinì un piatto di carne speziato.

Comunque mio marito appena l’ha addentato mi ha detto: “questo è proprio lui, il pane Injera” visto che lo aveva già assaggiato qualche anno fa presso un ristorante di cucina etiope.

Continue reading

, , , , , , , , , , , , ,

Torta alle Mandorle Pistacchi e Fragole

In realtà volevo preparare questa bella torta di Gaia, ce l’avevo nel cuore… ma vado ad aprire la dispensa e trovo solo 50 g di mandorle e non mi andava di fare adattamenti, riduzioni etc… per cui l’ho rinviata alla prossima settimana ed ho rimaneggiato una ricetta alle mandorle che preparo da sempre e che trovate qui nella versione originale.

Anche per questa non mi bastavano le mandorle e ci ho aggiunto i pistacchi…

  • 230 g. di zucchero
  • 50 g. di mandorle
  • 50 g di pistacchi non salati
  • 250 g di fragole a pezzetti
  • 4 uova
  • 90 g di burro
  • 80 g di panna fresca
  • 180 g di farina senza glutine per dolci (io ho usato il Mix di farine senza glutine per impasti lievitati)
  • 1 bustina di lievito per dolci (consentito dal prontuario AIC)

Zucchero mandorle e pistacchi 30 sec. vel Turbo. Aggiungere le uova 1 m. vel. 7. Aggiungere il burro e la panna 1 m. vel 7. Poi la farina 30 sec. vel. 7. A questo punto ho tirato fuori l’impasto dal bimby ed ho unito a mano la bustina di lievito setacciato

Ho aggiunto le fragole a pezzettini, mescolato delicatamente, versato dentro uno stampo imburrato e infarinato di 26 cm di diametro e infornato per 30 m. a 175°

La torta è venuta ottima, sofficissima, morbida, umida e non sbriciola (neppure dopo due giorni, è finita stamane), le fragole sono andate a formare una base sul fondo, non era l’effetto che volevo, ma il risultato è stato buonissimo uguale!

E questa è la pianta, una Bromelia, che il maritino mi regalò per l’anniversario di fidanzamento (12 anni)… la pianta a me e la torta a lui!

Buona domenica!

Continue reading

, , , , , , , , , , , , ,

Torta Soffice alle Mandorle

Questa torta è il mio cavallo di battaglia, quando ho bisogno di una torta semplice, ma che sia qualcosa di più di una semplice torta del pomeriggio o del mattino, la preparo e con il Bimby è un attimo!
________________________________________________________
Torta alle mandorle
  • Ingredienti
  • 230 g. di zucchero (anche meno)
  • 100 g. di mandorle
  • 4 uova
  • 170 g di burro
  • 160 g di farina senza glutine per dolci (io ho usato il Mix di farine senza glutine per impasti lievitati)
  • 1 fialetta aroma mandorla (consentito dal prontuario AIC)
  • 1 bustina di lievito per dolci (consentito dal prontuario AIC)

Zucchero e mandorle 30 sec. vel Turbo. Aggiungere le uova 1 m. vel. 7. Aggiungere il burro 1 m. vel 7. Poi la farina 30 sec. vel. 7. Infine la fialetta ed il lievito 10 sec. vel. 7.
Infornare 30 m. a 175°

Continue reading

, , , , , , , , , ,

Tigelle senza glutine

Al volo… di corsa… con un lavoro tra capo e collo che dovrebbe farsi in un mese, assegnato stamattina e da finire entro stasera, sic! (concetti giuridici da far quadrare in 12 ore, neppure se fossi Einstein e sicuramente verrà fuori un pasticcio… meglio se interrompo qui il discorso), dicevo… al volo vi lascio questa ricetta, che è sì datata, ma che ogni volta che viene provata riscuote successo… speriamo piaccia anche a Voi! Se sopravvivo ci rileggiamo domani!

_______________________________________________________

Tigelle senza glutine
Ricetta da me inserita su Cis il 6 luglio 2007
  • Ingredienti
  • 150 ml di latte
  • 50 ml di olio evo
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 50 g di farina agluten
  • 200 g di farina Farmo
  • 20 g di lievito di birra

Introdurre gli ingredienti nella macchina del pane, programma impasta e lievita (si può fare anche a mano). Otterrete un impasto non appiccicoso, ma soffice, che si stende al mattarello. Stendete l’impasto all’altezza di mezzo centimetro e ricavate tanti dischetti tondi con un bicchiere. Ponete questi dischetti su di un canovaccio e copriteli con un altro telo. Fateli riposare così un’ora circa.
Cuocerli con la tigelliera

io ho questa   ma in realtà servirebbe per cuocere le arepas argentine
oppure su una piastra antiaderente per 2-3 minuti per lato, non devono essere stracotte, altrimenti si seccano.

Sono buone! Si mangiano calde farcite di formaggi e salumi… se vi avanzano, proprio perchè non sono stracotte, basta farcirle e scaldarle così su di una piastra tornano nuovissime di zecca

Continue reading

, , , , , , ,

Riso Venere con zucchine e gamberi

Il Riso Venere (oltre al nome che trovo soave) è un riso delizioso, ha un aroma che sa di pane e si accompagna perfettamente al pesce… buono davvero, adatto a preparazioni semplici, è sufficiente lessarlo ed il gioco è fatto.
Nulla vieta di portarlo a cottura come fosse un risotto, ma occorre calcolare dei tempi più lunghi, a meno di non usare quello che cuoce in 20 m., ma io, che consumo regolarmente questo tipo di riso, consiglio quello che cuoce in tempi più lunghi è più buono!
________________________________________
Riso Venere con zucchine e gamberi
Image

Ricetta da me inserita su Cis il 26 maggio 2007
  • 200 g di riso venere
  • 250 g di zucchine
  • 250 g di gamberi
  • limone
  • olio
  • sale
Ho lessato il riso venere per circa 45-50 minuti, l’ho scolato condito con un cucchiaino d’olio e del succo di limone e messo in frigo. Ho pulito le zucchine le ho tagliate a julienne e le ho fatte saltare per 3 minuti in un filo d’olio poi ho aggiunto i gamberi sgusciati ho lasciato sul fuoco per 1 minuto e poi ho spento, così i gamberi si cuociono ma restano morbidi. Ho unito gamberi e zucchine al riso freddo e versato tutto dentro gli stampini d’alluminio cuki. Li ho messi in frigorifero per qualche ora.

Continue reading

, , , , , ,

Pesto al Sedano

Vi propongo anche questo pesto, molto molto buono, leggero e privo di formaggi, ideale se si è intolleranti al lattosio.

La ricetta proviene dal bel Blog di Zori, e vi consiglio di visitarlo, soprattutto se la vostra celiachia fosse correlata ad altre intolleranze come al latte e uova.

Io, nel realizzarlo, ho usato tutto olio di oliva extravergine

Pesto al sedano

Image

Per comodità riporto anche qui la ricetta…

  • 70 gr foglie di sedano
  • 30 gr mandorle pelate
  • 20 pinoli
  • sale
  • olio leggero di mais

Il procedimento è quello classico del pesto al basilico con il mixer: si mette tutto nel frullatore e alla fine si aggiunge l’olio a filo.

Di seguito trovate l’altra ricetta di Zori che avevo realizzato e di cui sono rimasta entusiasta!

Uova Marinate di Zori

Continue reading

, , , , , , ,

Ciabatte al Pepe Verde con Lievito Madre Senza Glutine

E questo pane è piccantino… profumatissimo, sfornato stasera… domani ci farà da accompagnamento alla carne (che devo ancora decidere come cuocere).
Ho pasticciato con le farine integrali, ho messo la farina di Teff e il grano saraceno… sono uscite delle ciabatte molto leggere, croccanti, buone!
Vi lascio anche la ricetta precedente con farine diverse: sono buone entrambe le versioni, quest’ultima è più croccante, l’altra con la crosta morbida.
________________________________________________________
Pane al pepe verde con lievito madre
Image
  • 400 g di Mix di farine dietoterapeutiche per pane e focacce nella variante con la glutafin
  • 30 g di farina di grano saraceno (come da prontuario aic)
  • 70 g di farina di teff (oppure grano saraceno)
  • 10 g di pepe verde in salamoia (anche meno se lo volete meno piccante)
  • 1/2 cucchiaio di semi di coriandolo
  • 300 g di Lievito madre delle Simili senza glutine (per la conversione da ldb a LM ho usato il metodo di Claudia quello cioè di aggiungere uno zero alla quantità di lievito di birra richiesta dalla ricetta ed ha funzionato benissimo)
  • 1 cucchiaino di malto di riso o 1 cucchiaino di zucchero
  • 14 g di sale
  • 1 cucchiaio di olio
  • 300 g di acqua
  • Ho sciolto il LM nell’acqua insieme allo zucchero (o al malto), con l’impastatrice in funzione ho unito le farine piano piano, i semi di coriandolo pestati, il pepe verde, il sale e l’olio.
    Ho messo a lievitare nel forno spento da mezzogiorno fino a che non sono tornata a casa dal lavoro (le 19 e 30). Sarebbe stato pronto anche prima comunque.
    Ho dato la forma a filoncino, praticato i tagli e lasciato lievitare ancora circa 1 ora… mentre si scaldava il forno con la refrattaria dentro a 250°.
    Infornate per 10 minuti a 250° e poi 30 minuti a 200°
    ____________________________________________________
Ricetta da me inserita su Cis il 10 maggio 2008
  • Ingredienti
  • 250 g di farina mix B
  • 100 g di Pandea
  • 150 g di farina di grano saraceno (ho ridotto in farina con il mio piccolo mulino i chicchi di grano saraceno)
  • 10 g di pepe verde (anche meno se lo volete meno piccante)
  • 1/2 cucchiaio di semi di coriandolo
  • 300 g di LM (per la conversione ho usato il metodo di Claudia quello cioè di aggiungere uno zero alla quantità di lievito di birra richiesta dalla ricetta ed ha funzionato benissimo)
  • 1 cucchiaio di malto di riso o 1 cucchiaino di zucchero
  • 14 g di sale
  • 350 g di acqua

Il LM mi raccomando usatelo sempre quando è bello arzillo, quindi circa 2 - 3 ore dal rinfresco e prima che inizi la fase di discesa.

Impastate bene e a lungo tutti gli ingredienti, fate lievitare (io ho fatto con la mdp e poi ho lasciato dentro per circa tre ore).
Poi ho formato i pani (tre) e li ho fatti lievitare nuovamente circa 3 ore.
Ho spennellato con olio e acqua in parti uguali e cotto alla temperatura di 200° per circa 40 minuti.

Continue reading

, , , , , , , , , , , , , , , ,

prev posts